Variazioni mineralogiche nella ceramica

06.05.2013 16:31

 

Il presente lavoro intende fare il punto della situazione sul contributo delle metodologie mineralogico-petrografiche.

Dopo una breve storia della ricerca archeometrica sulla ceramica e una sintesi delle principali tecniche analitiche utilizzate, vengono presi in considerazione gli aspetti fondamentali negli studi di questo materiale, in particolare: studi di provenienza sia mediante osservazione di sezioni sottili che mediante analisi chimiche; ricostruzione delle antiche tecnologie produttive attraverso un approccio analitico integrato, comprendente tecniche di "bulk"(XRD) e in situ (SEM-EDS, EMPA, Raman etc.).

È stata presa in esame anche la tecnologia di produzione dei principali rivestimenti ceramici. In particolare: rivestimenti impermeabili ("vernice nera" e "vernice rossa).

Vengono infine messi in evidenza alcuni sviluppi futuri auspicabili: una più diffusa utilizzazione di tecniche ad alta risoluzione e spettroscopiche ( Raman); una maggior attenzione alle relazioni fra tecnologia dell'impasto e funzionalità dell'oggetto, così come alle variazioni della composizione chimica e della microstruttura, in conseguenza dell'uso e dei processi di alterazione durante la cottura.

Nelle diverse fasi della cottura avvengono varie trasformazioni:
·       tra la T ambiente e 200 °C - si elimina l'acqua igroscopica residua nell'impasto e quella contenuta da alcuni sali, come ad esempio il gesso.

·       tra i 250 °C e i 350 °C - le materie organiche vanno in combustione.

·       tra i 450 °C e i 850 °C - si decompongono i minerali delle argille, liberando l'acqua reticolare.

·       850° C - si decompongono i carbonati (decarbonatazione) e si ossidano i solfuri.

·       tra i 1100 ° e 1200 °C - fondono i feldspati, e si ottiene la vetrificazione.

Va ricordato, infine, che la presenza di ossigeno in camera di combustione determina il degrado delle sostanze organiche presenti, nonché l'ossidazione delle sostanze minerali. Come risultato si ottiene un prodotto di color rosso ruggine per azione dell'ossigeno (ossidante) sul ferro. Si otterrà, invece, un colore nero scuro per azione del vapore e monossido di carbonio (riducente).
 

1.1 - Il costituente principale della ceramica


La parola ceramica deriva dal greco kèramos che significa argilla per stoviglie.
Il costituente principale della ceramica è l'argilla, un allumino-silicato. 
L' argilla umida, scoperta in età neolitica , è plastica e pertanto può dare manufatti che essiccando all' aria, induriscono mantenendo la forma, ma sono troppo fragili.
Se però l' argilla viene posta a contatto con il fuoco, essa si trasforma in ceramica.

L' argilla è composta da:

 

ceramica 01

struttura della ceramica

 Le argille si possono suddividere in argille primarie e argille secondarie:
le primarie si sono formate per alterazione della roccia originaria e si differenziano dalle altre rocce sedimentarie perché sono rimaste nello stesso luogo in cui si sono fermate senza subire trasporti e inquinamenti derivanti dai cambiamenti di ambiente.
I feldspati , feldspatoidi e silicati contenenti alluminio hanno subito attacchi chimici che hanno causato l'argillificazione attraverso un processo chiamato idrolisi .
In ambiente acido in presenza di acqua e anidride carbonica e in determinate condizioni di pressione e temperatura, alcuni elementi che compongono i minerali si allontanano .
Gli ioni potassio , sodio e calcio dei feldspati passano in soluzione e vengono 
allontanati oppure entrano in equilibrio con le condizioni ambientali.
La distruzione del reticolo cristallino causa la trasformazione dei minerali originari 
in minerali argillosi, mentre i minerali insolubili come quarzo miche costituiranno la 
frazione sabbiosa.

 

 

ceramica 03

ceramica 04ceramica 06ceramica 05

 


Le argille secondarie, sono rocce sedimentarie in cui il processo di formazione è avvenuto per trasporto e sedimentazione.
I minerali argillosi hanno subito inquinamento, inglobando impurezze di dimensione e natura diversa, ossidi di ferro e carbonato di calcio.

 

 

1. 2 - Classificazione granulometrica delle argille


Le siltiti si sono formate in ambiente fluviale o marino.
Le argille fini hanno subito un trasporto più lungo e possiamo trovarle lungo i fiumi o in mare aperto.

  Argille limose Argille fini

granulometria
Da 62 a 4 µm <4 µm
tipo Argille "magre" (prevale la frazione non argillosa) Argille "grosse" (prevalgono minerali argillosi)
plasticità Da insufficiente a scarsa Da buona ad ottima
Produzione ceramica Argille non lavorabili Argille lavorabili

 

 
 
1.3 - Principali argille utilizzate in campo ceramico


Le argille sono costituite da minerali argillosi che allo stato naturale si trovano mescolati tra di loro e con minerali non argillosi, dando luogo a diverse miscele.

  Argille illiche Argille caoliniche Argille montomorillonitiche
Diffusione in Italia Molto comuni
Non comuni
Non comuni
Fondenti nel reticolo cristallino nel minerale potassio
assenti
Scarsi\rari
Calcite nell' argilla Scarsa ad abbondante Di regola assente rara
Plasticità Buona Insufficiente Molto elevata
Lavorabilità Ottima Scarsa Non lavorabile
Tecnica di modellazione A mano\ tornio tornio Non lavorabile
Concentrazione di volume Media Scarsa Molto elevata
Granulometria media del minerale  Circa 1 µm   Circa 1-2 µm Circa 1 µm
Ossidi e idrossidi di ferro nell' argilla
Da scarsi ad abbondanti
Rari Rari

      

2.1 - Processo di trasformazione dell' argilla in ceramica


L' argilla contiene il 25% di acqua.
Dopo la formazione del manufatto, chiamato verde, parte dell' acqua di imbibizione che rende plastica l' argilla evapora.
A temperature più elevate 300°C - 500°C l' argilla riscaldata inizia a perdere anche l' acqua legata chimicamente .
Questa perdita di acqua fa si che gli atomi di alluminio e silicio dell' argilla riorganizzino le loro strutture.
Il risultato macroscopico è che l' argilla perde la sua plasticità.
Continuando a scaldare quest' ultima a partire da 800°C, essa vetrifica dando una tipologia di ceramica chiamata terracotta.
Per produrre una buona ceramica ci vuole una buona argilla.
La più usata nel mediterraneo è l' argilla bruna, materiale risultante dalla disgregazione meccanica e dall' alterazione chimica di rocce alluminosilicate .
L' argilla bruna è formata da una miscela di minerali argillosi di materiali organici e inorganici.
I minerali hanno una struttura lamellare e pertanto sono chiamati fillosilicati.
L'argilla bianca, a base di caolino è stata impiegata in area mediterranea solo come pigmento superficiale della ceramica non per produrre ceramiche in quanto il caolino richiede temperature non raggiungibili con i forni a legna.
Spesso l' argilla era temperata con materiali macinati non plastici , chiamati  temperati: sabbia, calcari, gusci di conchiglie , feldspati, grafite e ceneri.
L' aggiunta di tali materiali permetteva una più facile evaporazione dell' acqua, minimizzava le contrazioni e le distorsioni nell' essiccamento.
In seguito alla cottura l' argilla si trasforma in ceramica mediante una serie di reazioni chimiche irreversibili: il carbonio dei residui vegetali, presenti nell' argilla bruna non depurata , è eliminato come anidride carbonica.
Se nel forno la temperatura è bassa e l' aria è scarsa, il carbonio, eliminato dalla superficie, può restare all' interno del manufatto.
In cottura l' anidride carbonica ed il vapore acqueo devono poter uscire altrimenti le grosse bolle possono provocare fenditure .
La fuoriuscita di questi gas determina la formazione di ceramica porosa. 
La porosità può essere diminuita eliminando i residui vegetali dall' argilla e lasciando seccare all' aria imanufatti verdi.
Se il forno ha un ricambio d' aria, il ferro bivalente presente nell' argilla bruna si ossida a ferro trivalente,ematite.
La ceramica allora presenta un colore dal giallo al rosso mattone  perché l' ematite è di colore rosso-bruno.
Se il forno è sigillato o con scarso ricambio d' aria, il ferro trivalente presente nell' argilla bruna si riduce a ferro bivalente. Allora la ceramica presenterà un colore bruno o nero perché il ferro bivalente è presente come magnetite.
Quindi la trasformazione dell' argilla in ceramica è indicata da evidenti variazioni di colore che riflettono l' ambiente della cottura: ossidante e riducente.
Se la temperatura è inferiore agli 800°C, la ceramica non vetrifica superficialmente.

2.2 - Tipologie di ceramiche classiche


A vernice nera : sono ceramiche attiche ottenute in monocottura in due fasi.
Il manufatto crudo era immerso in una sospensione di argilla finissima a cui si aggiungeva un materiale alcalino, per esempio cenere di legno che serviva a diminuire la temperatura di fusione di queste argille che così vetrificavano a temperatura più bassa.


La cottura avveniva in due fasi:

    • Atmosfera ossidante a circa 800°C.:In questa fase la massa e superficie acquistano un colore rosso per la formazione di ematite.
    • In atmosfera riducente a temperatura più elevata, 900-950°C.:Nella fase riducente viene interessata solo la superficie che diventava nera per la presenza di ferro bivalente.

Figure rosse e nere: sono ceramiche prodotte ad Atene intorno al 530 a.c .

La monocottura avveniva in tre fasi:

Ossidante ad 800°C conferiva al manufatto una colorazione rossa.

Riducente a 900-950°C conferiva una colorazione nera.

Ossidante a temperatura più bassa determina la formazione di una colorazione rossa superficiale eccetto per le parti vetrificate.

Bucchero : il manufatto è cotto in atmosfera riducente ottenuta sigillando il forno ed esponendo ai fumi della combustione.
Si ottiene una ceramica nera ma lucente in superficie dovuta alla vetrificazione superficiale.

Terra sigillata: chiamata anche aretina perché prodotta ad Arezzo o sigillata poiché i manufatti portano il sigillo del produttore.
Queste ceramiche sono rosse nella massa e rosso corallino lucido in superficie.
La colorazione è ottenuta ricoprendo il manufatto con una sospensione di argilla ricca di ferro.

 

ceramica 07

Vaso modellato a mano. Dimensioni: Ø orlo 9.5 cm, h. 11.9 cm; larghezza max 15 cm; spessore 0.6 cm.

La ceramica Matt-Painted: il sito di Francavilla marittima ricopre una importanza notevole nell' ambito della ricerca sulle popolazione Enotrie  che occupavano prima dei greci la parte settentrionale della Calabria ionica.
Le ricerche iniziate nella metà del '900, hanno dimostrato che sul timpone della Motta, gli Enotri avevano innalzato templi e sui pianori si erano insediati gli abitanti.
Negli ultimi anni si sono condotte indagini di scavo che hanno permesso di chiarire aspetti connessi alla produzione locale di alcuni materiali decorati in stile Matt-Painted.
Gli studiosi inglesi chiamano così questo tipo di produzione, poiché la pittura a vernice nera non è lucida come quella della ceramica di tipo greco ed è diffusa in alcune aree della Puglia, Basilicata, Campania e Sibaritide.
Presentiamo alcune forme di ceramiche decorate da motivi che costituiscono gli stili elaborati localmente.

Stile a Frange: la spalla è decorata con un fregio a pannelli alternati e riempiti con linee orizzontali e verticali in modo da formare un reticolo. Dai pannelli scendono delle lunghe frange a gruppi di sei.

ceramica 08

ceramica 10a

Lo stile Pieno o a Rete: la spalla è decorata con fregio a pannelli sottili verticali, riempiti con il motivo a reticolo alternato ad ampi pannelli; questa decorazione è limitata in alto ed in basso da due bande orizzontali riempite con tratti disposti obliquamente.

 

ceramica 09a

Dimensioni: Ø orlo 15.8 cm, 8.2 x Ø massimo 17.5 x 1.0 spessore 0.1 cm.


Stile Bicromo: le anse sono segnate da raggi con le bande nere, al centro queste decorazioni erano dipinte in rosso e al di sopra della banda rossa sono dipinti gruppi di linee nere vicino agli attacchi e nel centro.


    

ceramica 11

 

 

ceramica 12

Dimensioni: Ø del labbro circa 7/7.5 cm, altezza conservata 12.3 x Ø massimo 13 x 0.6 cm.


Stile Nero: decorazioni a grosse bande orizzontali e al di sopra di queste ci sono fasce più sottili, anch' esse parallele e orizzontali.

ceramica 13a

Dimensioni: Ø orlo circa 12/13 cm; h. residua 4.9 x 0.4 cm.


Stile a Tenda: il motivo principale di forma triangolare è composto da tre o più motivi angolari che si incontrano in un punto formando uno stile a tenda.

Stile a Bande Ondulate: formato da un pannello centrale di due o più linee orizzontali che racchiudono il motivo a banda ondulata.


Stile "Miniaturistico": vi sono fregi in miniatura con motivi ripresi dai vasi greci.

 

ceramica 14

 

 

 

Esempio di ceramica matt-painted "messapica"

Stile "Messapico": la decorazione è in bianco e nero, ma si possono trovare anche pezzi bicromi. I frammenti ritrovati appartengono a piccoli attingitoi globulari ma si possono osservare anche frammenti di piccoli recipienti chiusi. L' importazione della ceramica Matt-Paintedmessapica nella sibaritide era legata esclusivamente a motivi estetici. Lo stile riprende quello greco e si possono trovare elementi decorativi come i meandri. Lo stile Messapico si differenzia da quello prodotto nel Timpone della Motta poiché presenta motivi indigeni più semplici. La ceramica messapica è molto più raffinata, le pareti sono sottili anche se non sono lavorate a tornio.

 

 

Test di autenticità della Ceramica

Il test per stabilire se una ceramica è autentica riguarda il corpo ceramico e non l'eventuale decorazione o i pezzi come manici o beccucci che potrebbero essere stati sostituiti in epoche recenti.

Il test misura la quantità di elettroni intrappolati, una quantità fisica che si azzera nella cottura dell' argilla e cresce nella ceramica in modo costante nel tempo.
Il test si basa sulla verifica della compatibilità o meno del contenuto di elettroni intrappolati con l' età presunta.
Riscaldiamo in modo programmato pochi millimetri di polvere ceramica, non irradiata o irradiata ottenendo una serie di curve.
Se una ceramica archeologia è stata accidentalmente riscaldata recentemente, la curva è piatta.
Se una ceramica micenea è stata riscaldata in periodo romano, la termoluminescenza è minore di quella aspettata.
Se una ceramica è stata irradiata artificialmente per farla apparire più antica, la ceramica è falsa per il test. Infatti l' irradiazione rende più intensa tutta la curva, ma decade rapidamente dopo qualche giorno.

 
ceramica 15
Cos' è la termoluminescenza


La termoluminescenza è dovuta ad un accumulo nel tempo degli effetti del decadimento radioattivo di isotopi a lungo tempo di dimezzamento presenti nell' ambiente.
Gli isotopi radioattivi emettono particelle alfa, beta e radiazioni gamma.
Mentre le particelle alfa, beta, sono poco penetranti, le radiazioni gamma sono molto penetranti nei materiali.
Le radiazioni trasferendo la loro energia ad un elettrone di un atomo lo costringono ad abbandonare la propria orbita di "parcheggio": l' atomo perde un elettrone diventando ione positivo. Alcuni degli elettroni rimossi possono essere intrappolati nei difetti reticolari ad alta energia presenti nel corpo ceramico.
Gli elettroni intrappolati possono uscire dai difetti reticolari solo se viene fornita una energia extra.
L' energia extra può essere fornita dal riscaldamento.
In tal caso gli elettroni spaiati escono dai difetti reticolari ritornando nelle orbite stazionarie e dissipando l' eccesso di energia come luce visibile.
Nelle ceramiche le componenti più significative per la TL sono il quarzo e i feldspati.


  ceramica 16b

Schema classico di rivelatore per spettroscopia


 

ceramica 17

                                Rivelazione della luce di termoluminescenza.

 
 Analisi specifiche: Spettroscopia IR

La spettroscopia infrarossa o spettroscopia IR è una tecnica spettroscopica di assorbimento normalmente utilizzata nel campo della chimica analitica e della caratterizzazione dei materiali, oltre che in chimica fisica per lo studio dei legami chimici.
Quando un fotone infrarosso viene assorbito da una molecola, questa passa dal suo stato vibrazionale fondamentale ad uno stato vibrazionale eccitato. In un tipico spettro infrarosso in ascissa troviamo una scala di frequenze espresse in numero d'onda, ovvero quantità di onde per centimetro, e in ordinata la percentuale di trasmittanza. Se un materiale è trasparente alla radiazione infrarossa il suo spettro si presenterà come una linea parallela all'asse delle ascisse. Se un materiale non è completamente trasparente si verificheranno degli assorbimenti e quindi delle transizioni tra livelli energetici vibrazionali. In questo secondo caso lo spettro  sarà caratterizzato da una serie di picchi di altezza variabile per ciascuna transizione.

ceramica 18

Spettrometro IR

Spettroscopia Raman

Nella spettroscopia Raman  i livelli energetici delle molecole si esplorano esaminando le frequenze presenti nella radiazione diffusa dalle molecole.
Nel caso più comune si fa passare attraverso il campione un raggio incidente monocromatico, tipicamente nella regione visibile e si registra la radiazione diffusa in direzione perpendicolare al raggio.
Ad urtare le molecole e circa un fotone incidente; esso cede una parte della propria  energia ed emerge, quindi, con energia inferiore.
L' insieme di questi fotoni diffusi costituisce la radiazione di Stokes  a bassa frequenza del campione.
Altri fotoni possono raccogliere energia dalle molecole con le quali vengono in urto ed emergere dal campione con radiazione anti-Stokes di frequenza più alta.
Lo scostamento della frequenza della radiazione diffusa da quella incidente è molto minuscolo e, se si desidera osservarlo, è necessario che la radiazione incidente sia il più possibile monocromatica.
Per di più l' intensità della radiazione diffusa è bassa, il che rende necessari raggi incidenti.
Sotto tutti e due gli aspetti i laser sono particolarmente indicati, ed hanno rimpiazzato del tutto le lampade ad arco di mercurio.
Il vantaggio che la spettroscopia Raman presenta rispetto a quella infrarossa è che la radiazione si può trovare tutta nel visibile, e ciò evita l' inconveniente di dover trovare una intera serie di materiali per le celle del campione che risultano trasparenti all' IR.

ceramica 19

Sistema per  spettroscopia Raman

Spettroscopia Mossbauer


La spettroscopia Mossbauer è molto utile per fornire indicazioni fondamentali sulla struttura delle molecole.
La spettroscopia Mossbauer opera ad un livello più profondo, in quanto ricava informazioni sulle molecole mettendo in evidenza condizioni all' interno dei nuclei atomici. 
Per "sondare" gli stati occorre una sorgente di radiazioni costituita dallo stesso elemento da esaminare in uno stato eccitato.

ceramica 20

Spettro di assorbimento Mossbauer dell'  isotopo 57 Fe

Quando questo decade allo stato fondamentale emette radiazioni gamma, la cui frequenza deve essere esattamente eguale a quella necessaria perché si abbia assorbimento da parte del nucleo bersaglio (campione), che così passa ad uno stato eccitato.
Dopo un brevissimo tempo il nucleo bersaglio emette radiazioni gamma ritornando allo stato fondamentale.
I raggi gamma assorbiti vengono rimessi in tutte le direzioni in modo che una frazione significativa della radiazione gamma incidente sul bersaglio non viene più trasmessa attraverso il campione e quindi non raggiunge più lo strumento rivelatore delle radiazioni.
 
           

 
Microanalisi: Microscopia Elettronica a Scansione

Un microscopio elettronico a scansione consiste di una colonna elettronica che produce e muove un sottile fascio di elettroni a esplorare una piccola area della superficie di un campione solido.
La colonna elettronica è simile a quella di una microsonda elettronica.
In una microsonda elettronica il fascio elettronico  è generalmente focalizzato in modalità stazionaria, con una posizione fissa su di uno specifico granulo di un minerale mentre nel SEM il fascio elettronico è in movimento sul campione.
L' impatto del fascio elettronico sulla superficie di un campione solido determina vari tipi di segnali che vengono raccolti da rivelatori posti nelle immediate vicinanze del campione.
Questi segnali comprendono elettroni secondari, elettroni retro diffusi, raggi X, catodoluminescenza e elettroni assorbiti dal campione.
Molti SEM hanno istallato un rivelatore per raggi X a dispersione di energia (EDS) che consente l' analisi spettrale dei raggi X che si generano nel campione in seguito al bombardamento elettronico.


 

ceramica 21

Microscopio elettronico a scansione (SEM)

 


Analisi chimico-fisiche: Fluorescenza di raggi X (XRF)

La XRF è una tecnica di spettroscopia in emissione di raggi x che permette l'identificazione degli elementi chimici che sono presenti, o compongono, il campione esaminato.

Tale tecnica permette quindi di stabilire la presenza di un determinato elemento ed, utilizzando un'appropriata metodologia di misura e di analisi dei dati, stabilire la concentrazione di esso nel campione.

Il principio utilizzato è assai semplice: impiegando una radiazione X di energia ed intensità appropriate è possibile creare, per effetto fotoelettrico, una vacanza in un guscio interno dell'atomo di un elemento.

Tale posizione viene successivamente rioccupata da un elettrone che appartiene ad uno dei gusci più esterni, che nella diseccitazione produce un fotone che ha una energia pari alla differenza tra le energie dell'elettrone nelle due posizioni iniziale e finale

ceramica 22
 
Materiali e metodi d' indagine


La composizione chimica e mineralogica delle argille condiziona sia le caratteristiche tessiturali (grado di aggregazione tra particelle, porosità secondaria, parte intergranulare) sia la comparsa delle fasi mineralogiche formate durante la cottura.
All' aumentare della temperatura cambiano le associazione mineralogiche per reazione della componente argillosa con minerali quali la calcite e il quarzo con formazione di gehelenite, diopside e anortite.
Studi con il microscopio ottico, con la diffrattometria Rx e con l' applicazione di metodi analitici chimici e microchimici, sono diventati essenziali nella determinazione delle condizioni che si realizzano in forno durante la cottura.
La comparsa di fasi neo formate viene interpretata come conseguenza sia della temperatura di cottura, sia delle condizioni di ossido-riduzione presenti nel forno.
Vengono presentati dati sperimentali ottenuti su campioni di argille di differente composizione.
Lo scopo è stato quello di osservare l' influenza esercitata dalla temperatura di cottura e dalla composizione dell' argilla di partenza sulle modificazioni tessiturali e sulle formazioni di nuove fasi mineralogiche.
Sono state prese in considerazioni argille naturali che nel triangolo Al2O3 -CaO-SiO2 ricadono nella zona compresa tra la composizione del quarzo, corindone e della gehlenite.
Il confronto delle composizione chimiche delle argille materiali utilizzate indica che le più elevate percentuali in peso di CaO e MgO sono a più bassi contenuti in SiO2  Al2O3. 
Tali variazione riflettono in maggiore contenuto in carbonati ( calcite e dolomite) nel primo campione rispetto al secondo.

Relazione tra composizione - temperatura - tessitura

Le osservazioni morfologiche sono state condotte mediante microscopia elettronica a scansione.
Con l' aumentare della temperatura, i clasti subiscono un arrotondamento, mentre nella matrice argillosa si evidenziano processi di saldatura.
La trasformazione tessiturale conformazione di porzioni composite, di porosità secondaria e " ponti intergranulari" è correlabile con la composizione dell' argilla di partenza.
Nel campione ricco di carbonati la formazione di tali tessiture avviene a 850°C.
Nel campione povero di calcio solo alla temperatura 1050°C si assiste ad una modificazione della struttura dovuta al collasso dei minerali argillosi.
(3.3) Tecniche analitiche di "bulk"Il termine "bulk" indica tutte le tecniche analitiche che danno risultati relativi alla composizione totale del campione.
Con l' analisi diffrattometrica su polveri, sia dell' argilla naturale che su quella dei campioni cotti alle differenti temperature, ha mostrato le variazioni durante il processo di cottura, prendendo come riferimento l' argilla originaria.
Nel primo campione che chiameremo 4A, si assiste alla scomparsa della calcite e della dolomite che si realizza a temperatura compresa tra 550°C e 850°C.
Nella cottura a 850°C si osserva la comparsa della gehlenite e dell' ematite presenti anche a 1050°C con la comparsa della wollastonite.
Nel secondo campione 1B, i feldspati mostrano un comportamento diverso.
Dopo la cottura a 1050°C il diffrattogramma Rx evidenzia un unico picco.
L' ematite si rileva nella cottura a 1050°C.
La composizione mineralogica dei due campioni è differente, ma si notano dei caratteri comuni come la comparsa di minerali argillosi a temperature superiori ai 550°C, la comparsa di ematite a temperature agli 850°C e la diminuzione del quarzo con il progredire della cottura.


Tecniche analitiche in-situ


Questo termine indica le metodologie analitiche che permettono di determinare la composizione" puntuale" di un campione; sono state determinate le composizioni di fasi individuate durante lo studio delle microstrutture condotte con il microscopio elettronico a scansione.
Le diverse situazioni microtessiturali sono definite dalla crescita di minerali neoformati.
La composizione dei granuli dello scheletro condizioni il tipo di minerale neoformato.
Un piccolo bordo di anortite si forma attorno al quarzo, mentre sulla calcite è presente la gehlenite.

Dinamica del processo di cottura


La combinazione tra le tecniche di "bulk" e tecniche "in situ" permette di stabilire che i minerali che si sviluppano durante la cottura presentano delle composizioni variabili.
È evidente quando consideriamo la gehlenite e anortite.
Questi minerali hanno una composizione variabile renderebbe problematica una identificazione senza il supporto della diffrattometria.
Nel primo campione passando da 850°C a 1050°C si osserva una variazione dell' intensità del picco; è associata una variazione della composizione feldspati.
Sulla base dei rapporti stechiometrici tra la Ca, Al e Fe nella formula dei feldspati riteniamo che  il Fe sia presente come Fe3+  rafforzata dall' incremento della percentuale di ematite.
A 550°C la trasformazione dei minerali argillosi originari produce nuove composizioni arricchite in Al2O3.
La calcite viene sostituita parzialmente da fasi che contengono SiO2 e Al2O3.
Con l' aumento della temperatura si forma la gehlenite ed un aumento dei tenori in Ca .
A 1050°C presenza di anortite diopside e la gehlenite è ancora presente.
 Alla temperatura di 850°C l' anortite si associa al quarzo e alla gehlenite.
A 1050°C questa composizione la troviamo all' interno del triangolo definito da diopside, anortite e quarzo.

Altri studi sulle variazioni mineralogiche e tessiturali


In altri studi condotti sulle variazioni tessiturali e mineralogiche i campioni che chiameremo Ve G sono stati selezionati in due villaggi situati nei pressi di Granada.

È stata raccolta la materia prima, lavorata e setacciata.
Sono stati preparati dei mattoni e cotti in forno alle seguenti temperature: 700, 800, 900,1000,1100°C .
Le strutture e microstrutture dei mattoni sono state studiate mediante microscopia elettronica a scansione(SEM), accoppiato con le microanalisi(EDX).


Risultati ( granulometria)


I carbonati sono più abbondanti nel campione V, mentre le scisti costituiscono la frazione maggiore nel campione G.


Analisi al Microscopio Ottico


I campioni G e V a 700°C non presentano variazioni mineralogiche.
A 800°C compaiono alcune crepe intorno ai carbonati.
In entrambi i campioni a 800°C  la muscovite si trasforma in mullite a 1000°C la 
trasformazione della mullite è completa.


Analisi  XRD


Il campione G mostra notevoli quantità di quarzo e fillosilicati con poco feldspati .
Nel campione V si trovano notevoli quantità di calcite e dolomite.
Il microclino scompare alla temperatura di 1000°C e si sono formate tracce di sanidino.
La mullite è rilevata in entrambi i campioni a 900°C.
A 1000°C compaiono la wollastonite e il diopside.
La scomparsa di dolomite e calcite comincia a 700°C e scompaiono a 800°C .
Il quarzo rimane abbondante a qualsiasi temperatura in entrambi i campioni.

Analisi SEM-EDX


Con questa analisi si è evidenziato una riduzione della porosità a 1000°C.
Il campione V mostra alcune crepe.
La vetrificazione è osservata i tutti i campioni alla temperatura maggiore di 900°C.
A 700°C non si evidenzia nessuna modifica strutturale o mineralogica.

 

EMPA


Con questa tecnica è stata analizzato il campione V. 
Le variazioni delle composizioni dei fillosilicati e carbonati sono state studiate usando sezioni sottili.
I fillosilicati mostrano una composizione muscovitica a 700°C, dove il potassio viene sostituito dal sodio.
La paragonite è stata individuata nell' argilla grezza.
A 800°C vi è un leggero aumento nel contenuto di Fe.
A 1100°C la quantità di potassio è ridotto mentre il contenuto di calcio e silicio è aumentato.


Analisi XRF


Si evidenzia che il campione G ha perso il suo contenuto di acqua tra i 700°C e 900°C.
Il campione V mostra una graduale perdita di acqua e un aumento di anidride carbonica.


Nel campione povero di calcio (4A), la cottura provoca un cambio sulla composizione dei minerali e si sposta verso composizioni ricche di alluminio all' aumento della temperatura.
La micro tessitura evidenzia un ritiro della frazione argillosa durante la cottura e un aumento della porosità secondaria.
Nel campione ricco di calcio (1B) si assiste alla precoce trasformazione dei minerali argillosi e durante la cottura si formano prodotti legati alla sinterizzazione , quali fasi vetrose e silicati di calcio e calcio-alluminio.
Nel campione G si ha la distruzione dei fillosilicati alla temperatura di 700-900°C, seguita dalla vetrificazione che è significativa a 1000°C.
I materiali ricchi di carbonati , nel campione V, vi è la formazione di allumino-silicati.
In quest' ultimo caso la vetrificazione inizia alle temperature più basse ed è limitata a quelle più alte.
Pertanto, è possibile stabilire la temperatura di cottura di materiale ceramici simili a quelli del nostro esempio.
La presenza di fillosilicati indica una temperatura di 700-900°C.
La dolomite scompare a 700°C, mentre la calcite è ancora presente a 800°C.
La gehlenite appare a 800°C, riducendo la sua concentrazione al di sopra di 1000°C.
La diopside e la wollastonite appaiono alla temperatura di 800°C.

 

Realizzato da: Valentina Muratori


Fonte: Inforestauro.org --> http://www.inforestauro.org/la-ceramica/1785-variazioni-mineralogiche-nella-ceramica.html

 

 

Cerca nel sito