Stonehenge: Al confine tra Israele e Siria è stato individuato un monumento preistorico di pietra.

18.11.2015 17:01

In pieno Medio Oriente, in una nuda distesa sulle alture del Golan, un monumento di pietra preistorico è passato inosservato per secoli. Dopo che Israele conquistò il territorio siriano, a seguito di una cruenta guerra, nel 1967, gli archeologi avevano avvistato dei cerchi di pietre non visibili da terra. Scavi successivi hanno rivelato che si trattava di una delle strutture preistoriche più antiche e grandi della regione. Conosciuto come Rujm el-Hiri, che in arabo significa “mucchio di pietra del gatto selvaggio“, il complesso è costituito da cinque cerchi concentrici, il più grande largo più di 152 m, e una massiccia camera sepolcrale in mezzo. Il suo nome ebraico Ghilgal Refaim, o “ruota di giganti “, si riferisce a un’antica razza di giganti menzionati nella Bibbia .

StonehengeGolanSecondo le stime fatte dagli studiosi, si può far risalire a circa 5.000 secoli fa, e la sua costruzione sarebbe iniziata già nel 3500 aC, il che lo renderebbe contemporaneo al complesso di Stonehenge in Inghilterra. A differenza del più famoso monumento costruito con circa 100 pietre enormi sormontate da architravi, la struttura del Golan è costituita da mucchi di migliaia di rocce basaltiche più piccole che insieme pesano più di 40.000 tonnellate. “E ‘un luogo enigmatico. Abbiamo già acquisito alcune informazioni, ma non il quadro completo”, ha detto Uri Berger, esperto di tombe megalitiche per laIsrael Antiquities Authority. Enigmatico, dunque, come il sito inglese, non si sa chi l’abbia costruito. Si pensa ad una civiltà nomade che si stabilì nella zona, ma per una popolazione dell’epoca avrebbe sicuramente richiesto un enorme rete di supporto che dei popoli che non vivevano lì stabilmente, sarebbe stato difficile ottenere. E anche in questo caso, dietro alla sua costruzione, ci potrebbe essere un significato astrologico, riferito alle giornate più corte e più lunghe dell’anno.

Attualmente, il complesso sembra un labirinto costituito da mura fatiscenti di pietra e pieno di erbacce. La forma impressionante e massiccia della struttura è visibile solo dal cielo. Il complesso si trova in una zona attualmente utilizzata per esercitazioni militari di Israele, ma è aperto al pubblico e eventuali visitatori possono visitarlo ed esplorarlo nei fine settimana e nei giorni festivi.

Scritto da: Monia Sangermano
Fonte: meteoweb

 

Cerca nel sito