Spagna: Restauro disastroso del Castello di Matrera

12.03.2016 17:45

I lavori alla fortezza andalusa del IX secolo, patrimonio nazionale dal 1949, hanno suscitato grandi critiche degli esperti e l'ilarità del web. 

di Francesco Tortora

 

Grandi critiche ha suscitato l'opera di restauro del castello di Matrera, fortezza andalusa costruita nel IX secolo nel villaggio di Villamartín, vicino a Cadice e dichiarata patrimonio nazionale spagnolo nel 1949. Il castello, costruito dal condottiero cristiano Umar ibn Hafsun, nel corso dei secoli è finito più volte sotto il potere dei Mori prima di essere riconquistato definitivamente da Ferdinando XI nel 1341. Storici ed esperti hanno definito i lavori di restauro "un autentico disastro".

Tre anni fa, le rovine del castello furono gravemente danneggiate dalle piogge torrenziali e le autorità decisero di puntellare la torre restante approvando un progetto di restauro. Peccato che - come hanno raccontato al quotidiano locale La Sexta gli esperti di Hispania Nostra, associazione che si occupa di tutelare il patrimonio storico iberico - il risultato finale non abbia nulla a che fare con la struttura originaria.

 

«Il consolidamento e il restauro (l'hanno chiamato così gli architetti del progetto) è veramente terribile - scrive sul suo sito web l'associazione -. Non vi sono parole per descrivere ciò che hanno portato a termine. Basta guardare le foto. Gli stranieri ci hanno scritto dicendo che non comprendono perché continuino questi follie, anche se sarebbe meglio definirli massacri della nostra eredità culturale».

 

Anche i residenti della zona si sono scagliati contro i lavori, postando sul web le immagini del restauro e queste sono velocemente diventati virali. Da parte sua Carlos Quevado, l'architetto che ha guidato il progetto, si difende affermando che la sua intenzione non era demolire le rovine, ma cercare di mostrare come il castello apparisse un tempo.

La difesa di Quevado non ha convinto gli spagnoli che hanno ricordato come quello del castello di Matrera sia solo l'ultimo scempio degli architetti-restauratori e un nuovo episodio di mancata tutela del patrimonio artistico nazionale. In passato grandi polemiche aveva suscitato l'improvvisato restauro dell'affresco di Cristo "Ecce Homo", opera del XIX secolo di Elías García Martínez. Anche in quel caso il lavoro fu un disastro.

Ha suscitato l’ira del web e degli esperti il restauro che ha letteralmente stravolto l’antico castello spagnolo
 

 

 

Fonte: Corriere.it

Cerca nel sito