Scoperte città perdute del Medio Oriente grazie a satelliti spia della Guerra Fredda

05.05.2014 12:39
 

corona satellite_casanaUn recente studio ha permesso di individuare numerose città perdute del Medio Oriente grazie ad immagini fotografiche acquisite mediante satelliti spia impiegati durante indagini militari della Guerra Fredda. Le immagini acquisite dai satelliti hanno rivelato circa 10.000 siti archeologici sconosciuti del Medio Oriente che mostrano centinaia di antiche città, strade, canali e altre rovine.


CORONA Atlas mostra siti in Turchia, Iraq, e Siria risalenti all'Età del Bronzo. Il Centro per Avanzate Tecnologie Spaziali (CAST) dell'Università di Arkansas ha infatti sviluppato nuovi metodi per l'efficiente ortorettificazione delle immagini che ora sono disponibili al pubblico in una database pubblico.

L'archeologo dell'Università di Arkansas Jess Casana ha dichiarato "Possiamo vedere tutte le tipologie di antiche strade e canali. Le immagini forniscono un quadro molto completo".

Il satellite che ha raccolto queste immagini è stato utilizzato dagli Stati Uniti durante la Guerra Fredda per trovare le Basi Sovietiche di Missili e gli accampamenti militari dal 1960-1972, così riporta National Geographic. L'archivio di 860.000 immagini è stato declassificato nel 1995 dal presidente Bill Clinton. 
Le immagini del Medio Oriente si sono rivelate molto utili per gli archeologi per studiare la rapida espansione urbana delle città, la costruzione di serbatoi e gli sviluppi agricoli, nonché la crescita di città come Mosul in Iraq e Amman in Giordania.

Anche se i satelliti attuali possono raccogliere immagini ad alta risoluzione, i cambiamenti nel paesaggio negli ultimi due decenni nascondono i siti archeologici ai moderni satelliti. 
Al momento in cui sono state scattate le fotografie non c'era modo di trasmettere le informazioni in remoto, e i rotoli di pellicola in bianco e nero sono state ritirate dallo spazio in scatole paracadute attrezzate per essere intercettate a mezz'aria da aerei. 
Le immagini raccolte da satellite che spaziano dall'Egitto all'Iran, alla scoperta di siti grandi come 123 ettari in Siria e Turchia.

Casana ha aggiunto che "non sono solo nuovi luoghi da scavare. Abbiamo un modo reale con tutti questi siti di guardare attraverso il tempo in Medio Oriente e vedere come esso era collegato". 
"Non vogliamo fermarci qui", dice Casana. Molte delle immagini CORONA coprono aree come l'Africa e la Cina che non sono stati inclusi nel Atlas portano un sacco di interesse per archealogogists.

 

Fonte: Archeomatica.it

Cerca nel sito