Restauro: Galleria Vittorio Emanuele, 10 milioni e una passerella sui tetti per una passeggiata fra le stelle

28.01.2015 19:44

L'assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza ha illustrato il progetto che sarà pronto entro i Expo: una passerella sui tetti si snoderà da via Pellico a piazza Scala e sarà accessibile anche di notte e ai non vedenti

 

Milano, 28 gennaio 2015 - Restauro e passerella pedonale: l'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Milano ha compiuto una visita ai lavori di restyling dellagalleria Vittorio Emanuele"Tra privato e pubblico sono stati complessivamente investiti 10 milioni di euro sulla galleria - ha spiegato -, dei quali cinque messi dal Comune tra 2013, 2014 e 2015". Nel restauro sono compresi anche dei vecchi locali di osservazione meteo, sul lato della galleria verso piazza Duomo, nei quali sono state trovate decorazioni d'epoca. Rozza ha inoltre presentato il progetto di una passerella esterna che segua parte del percorso di galleria Vittorio Emanuele, ma passando per i tetti, oltre ai lavori di restauro dell'arco della galleria su piazza Duomo.

Il percorso previsto per la passerella va da via Silvio Pellico 2 fino al civico 8, passando sul lato sinistro del ramo che collega piazza Duomo con piazza Scala. Il tour avrà accesso e discesa con due ascensori che saranno inaugurati il 14 febbraio e che trasporteranno otto persone alla volta, impiegando circa un minuto per salire e scendere. L'origine del camminamento sui tetti risale alla stessa costruzione della galleria, che prevedeva l'uso delle passerelle per la manutenzione.

Il percorso si potrà visitare anche di notte e sarà fruibile anche dai non vedenti con dei pannelli in alfabeto Braille. "La passerella è l'opera conclusiva del progetto del Mengoni", ha detto Rozza, "che oltre al passaggio pedonale che conosciamo ha anche una via sotterranea e ora una via tra i tetti, finora sconosciuta". Il progetto, realizzato dall'architetto Paolo Favole, nasce da una proposta dell'hotel Seven stars galleria. L'hotel coprirà i costi della passerella, oltre a quelli del restauro dell'arco dal lato di piazza Scala. Per quel che riguarda i tempi di realizzazione, per l'assessore il percorso dovrebbe aprire durante i primi mesi di Expo, ma Rozza spiega: "Non abbiamo ancora un progetto esecutivo e ancora non posso dare date esatte". Secondo gli accordi, il Comune garantirà il passaggio delle passerelle per due anni, e l'amministrazione riceverà in cambio non una quota sugli ingressi, ma pacchetti di biglietti. Intanto, sul restauro, Rozza ha precisato: "La galleria deve rimanere uno spazio a uso dei lavori pubblici, dobbiamo mantenere il controllo anche per la manutenzione. Nel piano opere pubbliche dobbiamo garantire una cifra per la manutenzione e il mantenimento, perché l'investimento per il restauro che facciamo noi oggi non deve diventare abbandono domani".

Fonte:IlGiorno.it

Cerca nel sito