Restauro: 19 i beni scelti dal FAI, interventi da 400 mila euro

13.12.2013 19:03

Il recupero della Cittadella di Alessandria, fortezza unica in Europa, fatta realizzare dai Savoia dal 1728; il progetto per l'allestimento del Museo di Totò nel cuore del Rione Sanità a Napoli e quello per apporre il vincolo paesaggistico al Faro dell'Isola di Ponza; il restauro del prezioso altare marmoreo della cappella della Madonna del Soccorso o del Giambologna nella basilica della SS. Annunziata a Firenze; il recupero dell'edicola dei giornali, esempio di stile Liberty, nel centro storico di Acireale.

Sono solo alcuni degli interventi nei 19 'Luoghi del cuore' - per un totale di 400 mila euro - scelti attraverso la sesta edizione del censimento promosso dal Fai in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Un'iniziativa che ha visto la partecipazione di un milione di persone, "unite nel nome di un'Italia da non dimenticare e da tutelare per le generazioni future", sottolinea il Fondo ambiente italiano. Per dar voce a questa mobilitazione popolare, il Fai ha introdotto un meccanismo nuovo, lanciando lo scorso luglio apposite linee guida, in collaborazione con il Ministero per i Beni culturali e il Turismo.

Oltre a intervenire sui tre Luoghi che hanno avuto il maggior numero di segnalazioni - la Cittadella di Alessandria, la Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (FG) e l'Abbazia della SS. Trinità di Monte Sacro a Mattinata (FG) - per la prima volta è stato chiesto a tutti i proprietari e ai portatori di interesse dei 128 beni che hanno ricevuto più di 1.000 segnalazioni di presentare una specifica domanda, a condizione che vi fossero un preciso programma di azione e certezze sui primi finanziamenti, per beneficiare di un intervento diretto da parte del Fai e Intesa Sanpaolo. Alla Fondazione sono arrivate 70 richieste di intervento da 17 regioni, coinvolgendo soprintendenze, comuni, province, parrocchie, comitati, associazioni che si sono attivati unendo le forze e creando sinergie sul territorio per agire a favore di quei beni così amati dagli italiani. Alla scadenza, la commissione formata da rappresentanti del Fai e delle direzioni regionali del Mibact ha scelto altri 16 Luoghi - oltre ai primi tre classificati - su cui intervenire. Questa la lista completa dei 19 interventi, per un totale di 400.000 euro (di cui 130.000 euro per i primi 3 classificati e i restanti 270.000 euro per gli altri progetti): la Cittadella di Alessandria; la Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (FG); l'Abbazia della SS. Trinità di Monte Sacro a Mattinata (FG); il Museo di Totò nel Rione Sanità a Napoli; il Faro del Monte della Guardia sull'Isola di Ponza (LT); il Parco del Castello di Miramare a Trieste; il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna a Livorno; la Cattolica di Stilo (RC); la Chiesa di San Salvatore de' Birecto ad Atrani (SA); il Colombarone - Cascina Leonardesca a Vigevano (PV); l'Oratorio del Sasso a Cursolo Orasso (VCO); il Monte Somma a Pollena Trocchia (NA); l'Edicola dei giornali di Piazza Vigo ad Acireale (CT); la Basilica della SS. Annunziata a Firenze; il Giardino del Monastero delle Orsoline a Calvi dell'Umbria (TR); l'Alpe Cortlys - Sikken - Salzen a Gressoney La Trinité (AO); il Giardino Nicola Calipari di Piazza Vittorio Emanuele II a Roma; la Pieve Romanica di Santa Maria ad Nives a Mirandola (MO); il Parco di Villa Strozzi a Gonzaga (MN). I beni selezionati dovranno confermare formalmente l'accettazione del contributo, per poter dare avvio ai progetti accolti. In caso di rinunce, i contributi - spiega il Fai - saranno assegnati ai beni che pur avendo i requisiti, non sono stati ammessi per esaurimento dei fondi a disposizione.

 

 

Fonte: ANSA

Cerca nel sito