Nerone: superbo imperatore o folle iracondo?

10.04.2013 18:57

Al tramontare del sole, indossato un berretto o un parrucchino, entrava nelle taverne, vagabondando per i diversi quartieri, picchiando la gente che ritornava nelle proprie case, ferendola e immergendola nelle fogne se opponeva resistenza. Era solito rompere e scardinare anche le porte delle botteghe.

Faceva durare i suoi banchetti da mezzogiorno a mezzanotte, ristorato il piu' delle volte da bagni caldi o,durante l'estate, freddi come la neve. Oltre alle sregolatezze con giovani ragazzi e alle sue relazioni con donne gia sposate, fece castrare (evirare) un fanciullo, trasformandolo in una donna, per poi sposarselo successivamente.

Fu l'ideatore di un nuovo tipo di divertimento: coprendosi interamente con la pelle di una bestia feroce, si lanciava da una gabbia sugli organi genitali di uomini e di donne, legati ad un tronco e, quando aveva imperversato abbastanza, si concedeva interamente al suo liberto; da questo si fece sposare, e arrivo' perfino ad imitare i gridi e i gemiti delle vergini che subivano violenza.

di: Manuel Greco

Sito Principale:

Cerca nel sito