La Tavola Doria di Leonardo Da Vinci torna ad Anghiari

17.06.2013 17:29

tavoladoriaLa Tavola Doria (che raffigura una scena dell’affresco che Leonardo da Vinci dipinse in Palazzo Vecchio a Firenze, dedicato alla Battaglia di Anghiari), esposta per la prima volta nella città aretina che ospitò lo scontro (1440); un Polittico di Piero della Francesca ricomposto dopo otto anni a Sansepolcro; nuovo allestimento per uno dei suoi capolavori, la Madonna del Parto a Monterchi e alcune grandi opere del pittore e scultore tedesco Anselm Kiefer esposte nei suggestivi ex Seccatoi della Fondazione Burri di Città di Castello (Perugia). E’ tutto un territorio a mettersi in mostra nel progetto ”Capolavori in Valtiberina tra Toscana e Umbria. Da Piero della Francesca a Burri e La Battaglia di Anghiari” (16 giugno – 3 novembre) promosso da Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Regione Toscana e Regione Umbria col patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività culturali.
L’iniziativa ”mette in rete un intero ”sistema’ con importanti riflessi per l’economia e il turismo dei due territori. Lo hanno spiegato, nel presentarla stamani alla stampa, tra gli altri, il presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze Giampiero Maracchi, l’assessore alla cultura e al turismo della Regione Toscana Cristina Scaletti, l’assessore alla cultura e al turismo della Regione Umbria Fabrizio Bracco, il presidente del Comitato Scientifico del progetto Antonio Paolucci. Oltre ad importanti restauri, sono previsti itinerari enogastronomici e di conoscenza del migliore artigianato artistico, attività per famiglie, laboratori per bambini, tour in pullman, pubblicazioni ad hoc. Uno speciale pass consente di ottenere sconti e facilitazioni in 35 musei e in oltre 80 esercizi commerciali di diversa tipologia.

Fonte: Tafter

Cerca nel sito