La luce ultravioletta rivela come erano in realtà statue dell'antica Grecia

10.05.2013 23:53

 

 

Pensavate che le statue greche bianche sono state sempre sarà in soggezione. Uno studio su l'uso della luce ultravioletta ha rivelato la vera natura di statue famose, dimostrando che essi erano originariamente dipinte.

Con una tecnica chiamata "luce radente", è possibile vedere molti dettagli in opere d'arte che non può essere visto ad occhio nudo. Si è già utilizzato in quadri dove si possono vedere tutte le imperfezioni e pennellate cornici.

Gran parte delle statue sono già fortemente eroso e consumato, per cui la tecnica è leggermente meno efficiente, ma ci sono sempre le parti che hanno ancora le caratteristiche originali, per cui è possibile osservare una pittura modello fatto.

Quindi, resta da sapere quali colori la statua aveva. Come la vecchia vernice aveva molti composti organici, luce UV può rilevare i pigmenti di inchiostro usate (questo è usato anche per rilevare l'autenticità delle opere d'arte, per esempio). Il problema è in realtà sapere la giusta tonalità. Identificare lo stesso pigmento, può essere indossata e la tonalità è compromessa.

Per cercare di risolvere questo mistero, gli scienziati utilizzano la luce a infrarossi e la spettroscopia a raggi X per cercare di identificare i composti utilizzati e il tono che le statue erano in origine. Non perfetto, ma si può avere un'idea di come erano nei tempi antichi.

E con tutto ciò che era possibile scoprire i bellissimi modelli di colore visto nelle immagini di questo post.Onestamente non so se io preferisco le statue bianche o colorate, ma è curioso e allo stesso tempo bellissimo.

A quanto pare la Grecia antica non era bianco come noi immaginiamo.

Fonte:Tecnoetc.com.br --> http://www.tecnoetc.com.br/2013/05/03/luz-ultravioleta-revela-como-eram-na-realidade-as-estatuas-da-grecia-antiga/

Pubblicato da: Alan Cardoso

Cerca nel sito