Un’opera in gran parte autografa di Guercino con il possibile intervento di aiuti. Questo il responso delle indagini diagnostiche condotte da MIDA di Claudio Falcucci  sul Presepe della Galleria d’arte antica di Roma a Palazzo Corsini.

Il Presepe, come opera del Guercino, compare per la prima volta negli inventari Corsini nel 1771, ma successivamente, nel 1794 e nel 1812, viene riferita al nome di Bartolomeo Schedoni. La critica moderna, pur avendo inizialmente accettato l’attribuzione al Guercino, è attualmente propensa a considerarla opera di “scuola”.

Il dipinto, restaurato grazie alla Fondazione Coppola – Prati eseguito da Elda Mariotti, Mireille Rivière e Roberta Nadali, della E.M. Conservazione, è  stato presentato al pubblico lo scorso 18 dicembre alla Galleria Corsini.

foto della P.G. Collection

foto della P.G. Collection

Il Presepe guercinesco, è un altro esempio di come la scienza, in questo caso la diagnostica artistica, possa dare un notevole contributo alla storia ed alla critica d’arte. Le analisi scientifiche applicate ai beni culturali sono gli strumenti più efficaci per conoscere lo stato di salute e prendersi cura delle opere d’arte. E quando una cura parte da una diagnosi accurata,  può offrire un grande contributo alla storia ed alla critica, come già ampiamente dimostrato con le indagini condotte in passato su Il trasporto di Cristo al Sepolcro del 1507 di Raffaello, Il Riposo nella fuga in Egitto del 1595 di Caravaggio, o da quelle più recenti condotte su dieci opere di Jackson Pollock, realizzate tra il 1942 e il 1947 della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia. Le analisi svolte dalla diagnostica offrono la possibilità di conoscere tecniche e materiali usati per la realizzazione delle opere e nel caso dei dipinti anche il disegno, i colori ed i pennelli impiegati.

Nel Presepe, le indagini riflettografiche e quelle radiografiche hanno rilevato una realizzazione con molti cambiamenti in corso d’opera e pentimenti relativi anche alla composizione stessa: spostamenti e cancellazioni di alcuni dei protagonisti dell’Adorazione dei pastori, oltre a modifiche di minor rilievo.

Al restauro successivo alle indagini è dedicato anche il volume Il Presepe della Galleria Corsini un enigma guercinesco, a cura di Giorgio Leone ed edito dalla Gangemi.

guercino cop
 

Fonte: vrmedialab.it
Realizzato da: Maddalena Rinaldi