L’uomo-leone di Ulm: ha 40.000 anni la più antica scultura del mondo.

02.09.2013 19:33

La mostra della statuetta, inizialmente promessa dal British Museum alla rassegna “Ice Age Art”, non ci sarà, ma per una buona ragione. Nuovi pezzi della scultura dell’uomo-leone di Ulm sono stati scoperti e si è scoperto che essa è molto più antica di quanto si pensasse, circa 40.000 anni. Questo la rende la più antica scultura figurativa del mondo. Alla mostra di Londra, che si apre il 7 febbraio, una replica del Museo di Ulm sarà invece in mostra.

La scultura dell’uomo-leone, di 40.000 anni fa.
 

La storia della scoperta dell’uomo-leone risale al mese di agosto 1939, quando frammenti di avorio di mammut furono scavati sul retro della Grotta Stadel nelle Alpi sveve, a sud-ovest della Germania. Questo è stato un paio di giorni prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Quando finalmente fu ricomposto nel 1970, esso fu considerato come un orso in piedi o un grosso gatto, ma con caratteristiche umane. L’avorio da cui la figura era stata scolpita si era rotto in innumerevoli frammenti. La prima volta ricostruita, circa 200 pezzi sono stati incorporati nel 30cm-alto scultura, con circa il 30% del suo volume mancante. ulteriori frammenti sono stati successivamente trovati tra il materiale precedentemente scavato e questi sono stati aggiunti alla cifra nel 1989. A questo punto, la scultura è stata riconosciuta come raffigurante un leone. La maggior parte degli specialisti l’hanno considerato maschile, anche se la paleontologa Elisabeth Schmid ha polemicamente sostenuto che fosse una femmina, il che suggerisce che la società primitiva avrebbe potuto essere matriarcale. L’ultima notizia è che quasi 1.000 altri frammenti della statua sono stati rinvenuti, a seguito di recenti scavi nella Stadel Cave di Claus-Joachim. La maggior parte di questi sono minuscoli, ma alcuni sono di diversi centimetri di lunghezza. Alcuni dei pezzi più grandi sono ora reintegrati nella figura. I conservatori hanno eliminato la colla e lo stucco del sec. XX dalla ricostruzione del 1989, e sono ora dediti ad un accurato rimontaggio dell’uomo-leone, utilizzando le tecniche computerizzate di imaging. “Si tratta di un enorme puzzle 3D”, dice la curatrice del British Museum Jill Cook. La nuova ricostruzione darà un’idea molto più chiara dell’originale. In particolare, la parte posteriore del collo sarà più accurata, il braccio destro sarà più completo e la figura sarà di pochi centimetri più alta.

Uno scultore fantasioso

Ancora più emozionante della scoperta di nuovi pezzi, l’età della scultura è stata perfezionata con la radio-datazione al carbonio di altre ossa si trovano negli strati. Questo rivela una data di 40.000 anni fa, mentre fino a poco tempo fa si pensava trattarsi di 32 mila anni fa. Una volta che la ricostruzione è stata completata, alcuni minuscoli frammenti non utilizzati dell’avorio di mammut è probabile che siano datati anch’essi con il radiocarbonio, e si prevede che ciò possa confermare il risultato. Questa datazione rivista spinge l’uomo-leone più indietro rispetto alle più antiche sculture, che sono state trovate in due altre grotte del Giura Svevo. Questi rari reperti sono datati a 35.000 – 40.000 anni, ma l’uomo Leone è di gran lunga il pezzo più grande e complesso. Alcuni elementi scolpiti sono stati trovati in altre regioni, e sono un po’ più vecchi, ma si tratta di modelli semplici, non figurativi. Ciò che colpisce nello scultore dell’uomo-leone è che doveva avere una mente capace di viva immaginazione piuttosto che limitarsi a rappresentare semplici forme. Come Cook dice, “non è necessario avere un cervello con un complesso di corteccia pre-frontale per formare l’immagine mentale di un essere umano o di un leone, ma non è la stessa cosa per rendere la figura di un leone-uomo”.

La scultura di Ulm getta quindi ulteriore luce sull’evoluzione dell’homo sapiens. I conservatori hanno provato a fare una copia dell’uomo-leone, calcolando che ci sarebbe voluto il lavoro di almeno quattrocento ore di uno scultore altamente qualificato, che utilizzasse strumenti di selce (lavoro di due mesi alla luce del giorno). Ciò significa che l’intagliatore avrebbe dovuto essere curato e nutrito da cacciatori-raccoglitori, il che presuppone un certo grado di organizzazione sociale. C’è un dibattito in corso su ciò che rappresenti l’uomo-leone, e se fosse collegato allo sciamanesimo e al mondo degli spiriti. Inizialmente, si sperava che l’originale dell’uomo-leone fosse presentato alla mostra del British Museum, ma questo non si è rivelato possibile perché i conservatori hanno bisogno di tempo ulteriore per ricostruire la figura il più accuratamente possibile. Il Museo di Ulm ha ora intenzione di svelare l’originale nel mese di novembre. “Age Ice Art: Arrivo della mente moderna”.

 

Fonte: tanogaboblog.it

Cerca nel sito