I fossili di insetto che fanno sesso dal Giurassico

20.12.2013 16:13

Rinvenuto in Mongolia il più antico fossile di insetti intenti ad accoppiarsi: testimonierebbero un importante passaggio della storia riproduttiva della specie.

Il fossile (a sinistra) accanto a una ricostruzione digitale della posizione dei due amanti resi fossili in una posizione compromettente (illustrazione © Dong Ren).
Il fossile (a sinistra) accanto a una ricostruzione digitale della posizione dei due amanti resi fossili in una posizione compromettente (illustrazione © Dong Ren).

 

La morte li ha colti proprio sul più bello, mentre erano impegnati ad accoppiarsi su una roccia della Mongolia interna, 165 milioni di anni fa. 
Questi due cercopidi (Anthoscytina perpetua) insetti molto comuni conosciuti volgarmente come "sputacchine" per l'abitudine di rilasciare una schiuma vischiosa sulle piante, costituiscono il più antico fossile di insetti intenti a copulare mai ritrovato.

Amore eterno (e unico)

Trovare fossili animali impegnati nell'accoppiamento è una circostanza piuttosto rara. La coppia unita per sempre è stata rinvenuta grazie alla pazienza certosina di Chungkun Shih, ricercatore della Capital Normal University di Pechino, Cina, che ha trascorso gli ultimi 10 anni a spulciare centinaia di migliaia di fossili di insetti prima di trovare quello giusto. «Ne ho visti più di mezzo milione» racconta «ma solo questo li mostra in amore».

Guarda anche la coppia (di umani) che si tiene per mano da 1500 anni

Una "piccante" storia evolutiva

Il reperto è importante per capire come gli insetti hanno evoluto la vasta gamma di posizioni sessuali che li caratterizza. La maggior parte delle specie di insetti moderne copula con il maschio posizionato sopra alla femmina, anche se le più popolari teorie evolutive vogliono che in origine i ruoli fossero invertiti, con le femmine sistemate sopra al compagno.

Durante la transizione da una posizione all'altra ci sarebbe stata una fase intermedia in cui gli insetti si accoppiavano addome contro addome, nella posizione del "missionario". Le due sputacchine fossili - risalenti all'epoca del Medio Giurassico - si trovano proprio in questa posizione, la stessa assunta, talvolta, anche dai loro moderni eredi: quando sono su un tronco o uno stelo, le sputacchine si accoppiano pancia contro pancia; se si trovano su una foglia, preferiscono affiancarsi.

Il fossile servirebbe a dare maggiore solidità a questa teoria evolutiva. Oltre a costituire una romantica testimonianza della solidità di un rapporto.

Fonte: Focus

 

Cerca nel sito