Ferrara ritorna ad essere la capitale del Restauro dal 6 all'8 Aprile 2016

04.04.2016 17:34

In Fiera 280 espositori, 130 convegni e 9 mostre per salvaguardare il patrimonio culturale

 

Il Salone del Restauro, vetrina internazionale dedicata al restauro e alla conservazione dei beni culturali e ambientali, torna a Ferrara per la 23esima edizione, che si terrà da mercoledì 6 a venerdì 8 aprile nella storica sede di Ferrara Fiere.

La manifestazione, con i suoi 280 espositori, 130 tra convegni e seminari e 9 mostre ed eventi, conferma la città estense come “capitale italiana di tutte le strategie sul tema del restauro e della gestione museale – annuncia il vicesindaco Massimo Maisto -; una ricchezza di contenuti che nel progetto ‘Ferrara città d’arte e di cultura’ ci proietta al centro del panorama nazionale”.

Lo spazio espositivo concesso al Comune di Ferrara sarà condiviso con l’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, il Mibact Segretariato regionale dell’Emilia-Romagna, il Museo nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah (Meis) e la Fondazione “Canonici Mattei”, in modo da mettere in evidenza una sinergia che converge e si concretizza in intenti culturali collettivi.

“La fruizione dell’alto livello dei convegni – prosegue Maisto – quest’anno è incentivata dalla gratuità del salone, a cui possono così accedere non solo gli addetti ai lavori, ma anche gli studenti, gli appassionati d’arte e tutti coloro che vogliono approfondire le proprie conoscenze in materia di patrimonio culturale tangibile. Io stesso parteciperò a conferenze e tavole rotonde per raccontare le esperienze e gli obiettivi raggiunti in loco e, al contempo, per apprendere da altre realtà italiane”.

Dopo l’inaugurazione di mercoledì 6 aprile alle 11 con il ministro Dario Franceschini, tre saranno i momenti di confronto ai quali l’assessore comunale alla Cultura e al Turismo interverrà: sempre mercoledì, alle 12, in sala C, a Un inedito luogo della cultura a Ferrara: Casa Minerbi-Dal Sale, a cura dell’Iscr, Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro; giovedì 7 aprile, alle 16.30, in sala C, al Museo / Forum, organizzato da “Siti”, quotidiano online dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco e da “Ferrara Italia”, quotidiano indipendente; venerdì 8 aprile, alle 9.30, in sala Belriguardo, a Musei&Musei. Verso il sistema nazionale museale? Organizzato dall’Anmli, Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali, dall’Università degli Studi di Ferrara e dal polo TekneHub.

“L’associazione – precisa Anna Maria Visser dell’Amnli – intende confrontare le novità della Riforma Franceschini sui musei statali, con la situazione dei musei degli enti locali, che costituiscono la larga maggioranza del panorama italiano. La prospettiva è quella di uno sviluppo della collaborazione e dell’integrazione di istituti statali da un lato e comunali dall’altro, per giungere alla costituzione del sistema museale nazionale”. L’incontro curato dall’Amnli, con il coinvolgimento di esperti del settore, vuole dare delle risposte analizzando benefici e criticità, nonché prospettare le sinergie attivabili sul territorio.

I turisti in visita al salone avranno l’opportunità di scoprire le bellezze architettoniche della città. Con il contrassegno ricevuto al momento dell’ingresso, infatti, sarà gratuita l’entrata a Palazzo Schifanoia e Civico Lapidario, Palazzina di Marfisa d’Este, Museo di Storia Naturale, Museo del Risorgimento e della Resistenza, e Museo della Cattedrale nei consueti orari di apertura. Invece sarà applicata tariffa ridotta all’ingresso al Castello Estense, dalle 9.30 alle 17.30.

La sera di giovedì, inoltre, è prevista la visita guidata a Casa Minerbi-Dal Sale, dalle 20.30 alle 22.30, con l’ultima partenza fissata alle 21.30. “Ferrara non sconfessa la sua accoglienza – aggiunge il vicesindaco – offrendo la possibilità di visitare gratuitamente i nostri gioielli, in particolare gli interni di Casa Minerbi, inaugurati di recente”.

Fonte: estense

Cerca nel sito