Cultura: bruciati migliaia di libri in Iraq. Unesco denuncia: operazione di pulizia culturale

07.02.2015 09:14

L’Unesco lancia l’allarme denunciando che l’Isis sta perpetuando “un’operazione di pulizia culturale”. I falangisti hanno fatto falò di libri, arrestando e giustiziando librai che vendevano testi cristiani. Proprio l’Unesco è tornata oggi a parlare di tali azioni spiegando che non si tratta di casi isolati, ma di una vera e propria operazione sistematica, volta alla progressiva distruzione delle biblioteche pubbliche e private e delle raccolte di libri nei musei, negli archivi e nelle librerie. Irina Bokova, la direttrice dell’agenzia internazionale, ha dichiarato che l’Isis sta conducendo “uno dei più devastanti atti di distruzione di libri nella storia dell’umanità (…) spazzando via metodicamente l’eredità culturale dell’Iraq, e quella diversità, che è insita nell’anima di questi popoli”.

 

 

 

 

Fonte:Tafter

Cerca nel sito