Convegno: I batteri nel restauro

24.07.2013 10:34

 

I PRINCIPI, L’ESPERIENZA DI LABORATORIO E I CASI STUDIO APPLICATI DALLA BIOPULITURA AL BIOCONSOLIDAMENTO

 

La conservazione dei Beni Culturali propone oggi un approccio basato sul coinvolgimento di diversi ambiti di studio, in un'interdisciplinarità di competenze tecniche specifiche.

Attraverso il progredire delle ricerche scientifiche volte alla soluzione di aspetti conservativi, a fianco alle procedure utilizzate e consolidate dall'esperienza, trovano il loro ambito di collocazione nuove metodologie d'intervento provenienti dal campo microbiologico.

Le sperimentazioni fino a oggi effettuate, in ambito nazionale ed internazionale, aprono a nuovi ambiti di applicazione con l'obiettivo di contribuire, da un lato, alla risoluzione di patologie di degrado che mettono a rischio la trasmissione del patrimonio storico artistico e, dall'altro, alla tutela della sicurezza di ambiente e operatore attraverso la possibilità di escludere l'utilizzo di sostanze tossiche.

 

"I BATTERI NEL RESTAURO"
I principi, l'esperienza di laboratorio e i casi studio applicati dalla biopulitura al bioconsolidamento

Sabato 28 settembre 2013
Centro Congressi – Confartigianato Vicenza
Via Enrico Fermi 201

 PROGRAMMA

Ore 8:30 Registrazione partecipanti
Ore 9:00 Inizio convegno e saluti di benvenuto
Presentazione del convegno
Letizia Becagli Restauratrice di Roma
Sara Metaldi, Restauratrice di Trento

Biorestauro: batteri alleati dell'uomo nella conservazione delle opere d'arte
Andrea Polo, Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l'Ambiente (DeFENS).

Possono le biotecnologie microbiche salvare l'arte?
Giancarlo Ranalli, Università degli Studi del Molise, Dip. di Bioscienze e Territorio (DiBT) e Lab. di Microbiologia Ambientale e Biorestauro (MicroLAB)

Biopolitura di efflorescenze saline e residui di colla negli affreschi della chiesa di Santos Juanes a Valencia
Pilar Bosch Roig, Instituto Universitario de Restauración del Patrimonio, U.P.V.

Pausa caffè

Il monitoraggio della biopulitura delle pitture murali del Camposanto Monumentale di Pisa mediante tecniche analitiche di gas cromatografia accoppiate alla spettrometria di massa
Alessia Andreotti, Università di Pisa, Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale

Il Camposanto monumentale di Pisa. La storia conservativa e gli interventi di restauro attuale
Donatella Zari e  Carlo Giantommassi, Restauratori di Roma

La biorimozione di sostanze indesiderate ad opera di cellule batteriche specifiche.
Sara Metaldi, Restauratrice di Trento

Raffronto di metodi di desolfatazione mediante microscopia elettronica.
Gianni Miani, PROARTE s.n.c, Consulenza e Diagnostica per il Restauro Artistico e Monumentale

PAUSA PRANZO

La precipitazione batterica di calcite nella conservazione di substrati lapidei.
Brunella Perito, Università di Firenze, Dipartimento di Biologia

Precipitazione bioindotta di calcite per il rinforzo delle pietre monumentali.
Piero Tiano, CNR- ICVBC Firenze

Catturare e mettere a frutto il potenziale metabolico dei microorganismi per un nuovo approccio alla Conservazione e al Restauro
Anna Rosa Sprocati, ENEA-Casaccia

Studio sperimentale di sistemi per il bioconsolidamento di manufatti lapidei di natura calcarea
Arianna Scarcella, Restauratrice di Torino

Rimozione di croste nere complesse di natura solfatica in un trattamento di un biorestauro su larga scala
Annalisa Balloi, Micro4u, Spin-off dell'Università di Milano

Considerazioni finali e chiusura lavori

 Per scaricare il programma completo clicca QUI

La quota di partecipazione al convegno è di 80,00 + IVA

Al termine del convegno sarà consegnato un attestato di partecipazione.

Per informazioni e iscrizioni contattare la segreteria organizzativa di Fondazione Villa Fabris

Via Trieste 43 – 36016 Thiene (VI)
Tel. E fax 0445-372329
e-mail: centroeuropeo@villafabris.eu

Fonte: villafabris

Cerca nel sito