Archeologia: scoperto relitto di una nave romana nelle acque della Gallura con il suo carico integro

21.06.2015 22:03

Per il suo carico e il suo posizionamento sui fondali del mare, rappresenta un unicum dal grande valore scientifico

 
 

La Polizia di Stato di Sassari, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Sardegna, nei giorni scorsi, nelle acque della Gallura ha effettuato un’importante scoperta archeologica, rinvenendo il relitto di una nave romana. I poliziotti del Nucleo Sommozzatori, a meno di cinquanta metri di profondita’, hanno rinvenuto i resti dell’imbarcazione che, per il suo carico e il suo posizionamento sui fondali del mare, rappresenta un unicum dal grande valore scientifico. Si tratta infatti di una nave lunga 18 metri e larga 7 carica di laterizi di eta’ romana imperiale, prodotti nelle officine intorno Roma. Visto il luogo del ritrovamento, gli archeologici ritengono che l’imbarcazione fosse destinata alla Spagna o alla costa occidentale della Sardegna. L’eccezionalita’ del ritrovamento attiene allo stato di conservazione del carico che risulta intatto e ad oggi stivato come al momento della partenza. Pare pertanto che la nave sia affondata con un semplice movimento verticale dalla superficie fino al fondale.

 

Cerca nel sito