Archeologia: ritrovato un "biberon" a forma di maiale di 2.400 anni fa

02.01.2014 14:29

Gli archeologi italiani hanno scoperto un antico maiale di terracotta che serviva come giocattolo oltre che come biberon.

Noto come guttus, il recipiente risale a circa 2.400 anni fa, quando parte della Puglia era abitata dai Messapi, una popolazione migrata dall’Illiria verso il 1.000 a.C.

Caratterizzata da orecchie a punta e occhi umani, il guttus tintinnabula a forma di maiale aveva dei sonagli nella pancia – apparentemente per incoraggiare il bambino a dormire dopo il pasto.

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

Il piccolo manufatto è una dei rari oggetti rinvenuti lo scorso maggio a Manduria, vicino a Taranto, quando alcuni lavori di costruzione avevano esposto una tomba messapica.

Tagliata nella roccia, la tomba era decorata con bande ocra, rosse e blu. Conteneva i resti di due individui – in linea con l’usanza messapica di seppellire i membri della famiglia insieme nella stessa tomba.

“Abbiamo trovato alcuni resti scheletrici in un angolo. Altri resti, relativi a una sepoltura successiva, occupavano l’intera tomba”, ha detto l’archeologo Arcangelo Alessio della Soprintendenza archeologica della Puglia.

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

Alessio e il suo team hanno recuperato circa 30 oggetti funerari, che ora sono stati puliti e restaurati. Includevano vasi, piatti, lucerne, contenitori per unguenti, tre recipienti per allattare i bambini e due statuette di terraccotta raffiguranti soggetti femminili.

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

Oggetti come una ciotola dipinta di nero e una lama di ferro indicano una sepoltura maschile, mentre un forte indizio di sepoltura femminile arriva da una particolare ceramica messapica chiamata trozzella. Caratterizzata da quattro piccole rotelle sui manici, delle versioni del vaso si trovano spesso nelle tombe di donne messapiche.

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

“L’analisi degli oggetti funerari e del loro contesto suggerisce che le due sepolture risalgono al periodo ellenistico, tra la fine del quarto e il terzo secolo a.C.”, dice Alessio.

La presenza dei tre recipienti per l’allattamento indicherebbe una terza sepoltura, forse di una neonata, come suggerito da due statuette di terracotta scoperte nella tomba. Queste sculture erano infatti spesso poste nelle sepolture di giovani ragazze.

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

(Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia)

“Dovremmo ipotizzare che l’individuo femminile fosse incinta al momento della morte”, spiega l’archeologo che ha seguito gli scavi Gianfranco Dimitri. “È un’ipotesi intrigante, anche se è possibile che le ossa del piccolo si siano decomposte totalmente nei secoli”.

 

 

 

 

Fonte: ilfattostorico.com

Cerca nel sito