Archeologia: ritrovata in Egitto immagine di Gesù con i capelli ricci

09.05.2014 20:30

Potrebbe davvero trattarsi di una delle più antiche immagini di Gesù sopravvissuta ai nostri giorni, quella rivenuta a Ossirinco, in Egitto.
L'archeologo spagnolo Josep Padró, affiancato da alcuni membri della Società catalana di Egittologia e dell'Università di Barcellona, ha infatti rinvenuto una camera sepolcrale, nella quale è stata trovata una stele di grande interesse storico-artistico.

Il soggetto raffigurato sulla sua superficie, un giovane dai capelli ricci e scuri e dalle vesti corte, potrebbe davvero essere il Nazareno, come lascerebbe intuire il suo tradizionale gesto di benedizione. 
Il team sta effettuando ulteriori verifiche per poter arrivare ad una conclusione certa. Tuttavia, se così fosse, il dipinto rivoluzionerebbe significativamente l'iconografia del Cristo, da secoli consolidata nell'immagine di un uomo con barba, lunghi capelli e vesti ampie.

La scoperta di una rappresentazione cristiana nella tomba di una famiglia di sacerdoti non sarebbe inoltre inaspettata. Sin dai primi secoli, infatti, la Chiesa coopta si sarebbe diffusa in queste zone, come dimostrato dalla lingua dei pittogrammi riportati accanto all'immagine, ancora in corso di decifrazione.

Fino ad ora, tra le più antiche rappresentazioni di Gesù Cristo vi è un'immagine rinvenuta in Siria e datata intorno al 235, nella quale il soggetto appare senza barba. Altre immagini di questo periodo si trovano presso le Catacombe di Roma, dove egli è però raffigurato prevalentemente con sembianze giovanili.

 

 

 

Fonte: arte.it

Cerca nel sito